venerdì 21 ottobre 2011

Internet imprescindibile per gli editori specializzati


"Essere creativi oggi significa combinare in modo unico ciò che già esiste..." con questa massima di Steve Jobs ho terminato il mio intervento all'annuale Forum Anes -l'associazione confindustriale che raggruppa oltre 200 editori specializzati- di cui sono anche vice presidente. Un invito ai numerosi colleghi in sala a non frapporre esitazioni o rimandi verso l'irrinunciabile evoluzione al digitale.

Come hanno affermato illustri ospiti -da Stefano Maruzzi CEO di Google Italia a Paolo Tacconi EU manager di MSN Microsoft, a Cesare Sironi di Matrix/Telecom- il contenuto è alla base di tutto, il fulcro del successo in rete. E il contenuto di cui i periodici tecnici e specializzati abbondano, va utilizzato appunto a 360 gradi nell'ecosistema digitale.

A conferma di quanto si creda e si lavori quotidianamente in questa prospettiva, i dati dell'indagine Anes: l'avvento dei nuovi devices viene giudicato in modo molto positivo e ricco di prospettive per l'editoria B2B e specializzata, tant'è che l'84% di noi intende sviluppare prodotti e servizi ad hoc ed il 94% conta sul web per l'incremento di fatturato.

"Il web e le nuove tecnologie corrono, corrono veloce, non ci aspettano" ha concluso il presidente Alessandro Cederle. E non posso che essere allineato con il suo pensiero... EsteticaBit e BeautyBit ne sono più che mai consci!

Roberto Pissimiglia