venerdì 31 gennaio 2014

Dal barbiere con i bitcoin


Per farsi fare barba e capelli non ci vogliono più gli euro, il bancomat o la carta di credito ma la nuova moneta elettronica virtuale: i bitcoin.


Accade in Trentino, precisamente a Cavalese, dove nel salone della famiglia Boschetto - barbiere tradizionale giunto ormai alla quinta generazione - è possibile pagare il servizio coiffure con i bitcoin. L’idea, come ci spiega il titolare Guido Boschetto, “è venuta ai miei figli Sandro e Marco che lavorano con me in salone, appassionati di informatica e molto attenti alle novità. Hanno scaricato il programma, ottenuto il Qr-code, il codice a barre bidimensionale, e hanno appeso la targa sulla vetrina “Bitcoin acceptd here”.


Il cliente che ha i bitcoin può così pagare dal suo smartphone. Al momento pare essere proprio questa antica barberia fondata nel 1870, l’unico salone ad accettare i bitcoin, insieme ad un altro centinaio di diversi esercizi commerciali in Italia.
Aggiunge Guido: “Se un cliente paga con i bitcoin, e per ora non è ancora accaduto, facciamo la ricevuta in euro, altrimenti sarebbe un problema fiscale e contabile. Abbiamo voluto introdurre questa novità perché incuriositi da questa nuova moneta virtuale di cui tutti parlano, ci piaceva l’idea di dare un servizio tecnologico ed innovativo in più alla nostra clientela. Non ci resta che aspettare gli sviluppi di questa nuova economia digitale”.