giovedì 20 agosto 2015

In USA le mail con il profumo. In Italia niente banda larga


Nella relazione annuale il presidente di Agcom Cardani ha ribadito che l'Italia «conferma una posizione di arretratezza nella realizzazione della banda larga fissa sul territorio nazionale», mentre negli USA arrivano le e-mail con il profumo.
Il presidente di Agcom ha sottolineato nella sua relazione che l'Italia è tecnologicamente arretrata rispetto all'Unione Europea e in maggior misura rispetto agli Stati Uniti. Per esempio nel nostro Paese manca la banda larga fissa, ciò dovuto soprattutto al ritardo sulla copertura per la banda ultra-larga
(36%, contro il 68% della media Ue).

Questa posizione di arretratezza si è evidenziata nel settore dell'editoria editoriale (quotidiani, tv, radio) che, anche a causa della crisi, nel quinquennio 2010-2014 ha perso ricavi per quasi 2 miliardi; una riduzione di circa il 16% solo in parte compensata dalla crescita (+7%) della pubblicità online.
La soluzione per contrastare la crisi è la sinergia tra editoria tradizionale ed editoria digitale cercando senza timori nuove e più incisive contaminazioni fra i due generi.
Si pensi a ciò che sta facendo il patron di Amazon, Jeff Bezos, con il Washington Post.

Cardani ha anche ricordato la vicenda del regolamento in materia di tutela del diritto
d'autore online, ora all'esame della Consulta pur essendo tuttora in pieno vigore e di grande importanza.

Ma ora c'è una nuova frontiera della comunicazione digitale: quella degli odori. Negli Stati Uniti una serie di produttori di app (tra questi Vapor Communications e Scentee) stanno annunciando l'uscita di strumenti che permetteranno agli odori di essere parte di un messaggio digitale. L'idea di fondo è quella di mettere in vendita apparecchiature che, se inserite in uno smartphone, emettono diversi odori quando arriva un messaggio o un'e-mail. Gli strumenti possono essere personalizzati e gli ideatori stanno pensando anche a un circuito speciale per i bambini.

L'idea di unire alla comunicazione video e audio a quella olfattiva non è nuova; con i cinema non ha
funzionato, mentre, forse, con la magia della Rete questa volta sarà quella buona.